Sunday, 19 January 2014

Das Auto, Settembre 1948

Il 20 giugno 1948 fu un giorno storico per la Germania e determinante per il futuro della Volkswagen. In quel giorno avvenne infatti la riforma monetaria che determinó il passaggio dai Reich Marks ai Deutsche Marks.
La riforma fu imposta dalla necessitá di agevolare l'introduzione del Piano Marshall, di eliminare il mercato nero e di consentire un piú favorevole rapporto tra i beni disponibili e il denaro in circolazione.
Contemporaneamente, nella zona controllata dagli anglo-americani, dove si trovava Wolfsburg, vennero annunciate misure per elimiare i controlli sui prezzi e sulla produzione di molti beni, tra cui le automobili.
Ogni cittadino che avesse i soldi necessari da quel giorno poteva liberamente acquistare una Volkswagen, il che fu la salvezza della fabbrica, che (le malelingue dissero in modo non casuale), aveva un abbondante stock di vetture pronte per essere consegnate.

La rivista Das Auto, una delle piú auterevoli testate tedesche dedicate ai motori, aveva ripreso le pubblicazioni nel dicembre del 1946. Il primo articolo che pubblicó sulla VW apparve nel numero di settembre 1948, e ció proprio a causa del fatto che finalmente essa era disponibile al largo pubblico.


L'autore dell'articolo fu Frank Martin, che era stato co-editore della rivista Motor Kritik prima della guerra, e dal 1942 era diventato capo redattore di Das Auto. Come vedremo in seguito questo aspetto é molto importante.
L'articolo é molto interessante non solo dal punto storico, ma anche dei contenuti.
Dal punto di vista storico, fu proprio leggendo questo numero di Das Auto che molti tedeschi realizzarono che la vettura voluta da Hitler avrebbe avuto una seconda vita, e sarebbe sopravvissuta al cataclisma della guerra. Dal punto di vista dei contenuti, vedremo in seguito il perché.

Nel prossimo post inseriró il testo integrale dell'articolo in lingua tedesca ed in formato testo, in modo che possa agevolmente essere tradotto in ogni lingua utilizzando il tasto di traduzione a destra.

No comments:

Post a Comment