Sunday, 11 March 2012

La straordinaria vita di Josef Ganz (4): Mistero risolto? / The Extraordinary Life of Josef Ganz (4): Mistery solved?


La domanda centrale e’: chi e’ il vero “padre” della volkswagen?
La mia opinione e’ che la risposta e’ chiara, e che il dubbio e’ solo apparente. Dipende da cosa intendiamo con “volkswagen”.


Se per “volkswagen” intendiamo lo schema meccanico generale (carrozzeria aerodinamica, motore posteriore, telaio a trave centrale, sospensioni indipendenti ecc.), allora colui che ha per primo ha lanciato il sasso e’ stato Rumpler con la Tropfenwagen del 1921, la cui idea e’ stata sviluppata negli anni ’20 e ’30 da numerosi contributi ;

Se per “volkswagen” intendiamo una vettura tecnologicamente avanzata che, in virtu’ delle soluzioni innovative,  avrebbe potuto essere commercializzata ad un prezzo competitivo con quello di una buona motocicletta (i famosi 1000 RM), allora il padre e’ Ganz. Lui infatti ha colto il potenziale delle innovazioni tecnologiche che si stavano realizzando, ed ha intuito che avrebbero consentito di ottenere un veicolo sicuro e confortevole accessibile alla gran parte delle popolazione. Questa idea e’ stata il suo cavallo di battaglia, che lo ha portato in tempi non sospetti con tutta l’industria automobilistica tedesca. A lui si deve anche la chiara visione che questo progetto poteva essere realizzato non da singole aziende, ma da una specie di consorzio patrocinato dallo stato.

Se per “volkswagen” intendiamo non una microcar, caratterizzata da motori e componentistica di origine motociclistica, ma una vettura “full size” in grado di ospitare una intera famiglia e consentire spostamenti relativamente confortevoli (rispetto agli standard dell’epoca), in grado di essere prodotta in grandi quantita’, allora colui che dobbiamo ringraziare e’ Porsche.

I tre contributi sopracitati rappresentano tre tappe successive dello sviluppo del concetto, ed andrebbero tutti debitamente sviluppati se intendiamo ricostruire la storia delle genesi del Maggiolino. Questa e’ il motivo per cui il libro di Paul Schilperoord e’ importante,  presentando per la prima volta in modo dettagliato e coerente gli avvenimenti di quel periodo, di cui per tanto tempo si e’ persa memoria.

Edmund Rumpler

Josef Ganz

Ferdinand Porsche


The central question is:  'Who' s the real "father" of volkswagen?
My opinion is that the answer is clear, and only apparently the doubt exists . It depends on what you mean by "volkswagen".

If for "volkswagen" we mean the overall mechanical scheme (aerodynamic body, rear engine, backbone chassis, independent suspension, etc..), Then the one who first “throw the stone”, was Rumpler with its Tropfenwagen of 1921, which idea was developed in the '20s and '30s by many contributions;

If for "volkswagen" we mean a technologically advanced vehicle, that, in virtue of innovative solutions, could be marketed at a price competitive with that of a good motorbike (the famous 1000 RM), then the father is Ganz. He has indeed grasped the potential of technological innovations that were under development, and he guessed that they would have allowed to obtain a vehicle safe and comfortable access to most of the population. This was his central idea, which brought him in very difficult times with all the German car industry. To him we also owe the clear vision that this project could not be achieved by individual companies, but by a kind of consortium sponsored by the state.

If for "volkswagen" we mean not a microcar, characterized by engines and components derived from motorcycles, but a "full size" car that can accommodate an entire family, allowing them to travel in full comfort (compared to the standards of the time) and designed to be produced in large quantities, then the one that we must thank is Porsche.

The three above contributions represent three successive stages of development of the concept, and they should all be properly detailed if we are to reconstruct the history of the genesis of the Beetle. That is why the book by Paul Schilperoord
is  important, presenting for the first time in a detailed and coherent manner the events of that period, of which for so long the memoryhas been lost.

1 comment:

  1. Grazie per aver condiviso queste informazioni. È sempre molto interessante seguire questo blog

    ReplyDelete