Thursday, 18 August 2011

MODEL YEAR 1967 (01.08.1966 – 31.07.1967)


PRESENTAZIONE GENERALE


Il modello economico, la 1200A/34hp, viene sostituito dalla 1300A/40hp, cui e’ per il resto praticamente identica almeno vista dall’esterno.
Il motore da 34hp resta ancora disponibile in opzione per un periodo limitato di tempo, almeno nelle intenzioni di VW che dichiara l’intenzione di volerne sospendere la produzione, mantenendo a breve solo la disponibilita’ di motori a rotazione. La sospensione posteriore subisce su tutti i  modelli sostanziali modifiche, e la carreggiata viene incrementata. Viste dall’esterno, le vetture dell’anno modello 1967 non presentano differenze evidenti rispetto al modello 1966.
La 1300A ha una quota di mercato ridotta, in gran parte limitata a flotte aziendali e clienti istituzionali.  Per mantenere il prezzo competitivo, la VW ha margini ridotti su questo modello, e di fatto ne disincentiva l’acquisto. Le differenze rispetto al 1300 sono limitate in gran parte a dettagli di finitura: mancano i profili cromati, il rivestimento del cofano e continua ad avere il tetto rivetito solo nella porzione centrale. Il volante e’ dotato di un semplice pulsante per il clacson e manca la leva multifunzionale che aziona le frecce e gli abbaglianti.
Per il resto, la trasmissione, le sospensioni ed i freni sono identici, cosi’ come il motore. Tra gli argomenti subdolamente suggeriti da VW per disincentivarne l’acquisto c’e’ il presunto maggiore deprezzamento dell’usato, che ne avrebbe giustificato l’acquisto solo in caso di lunghe percorrenze.
E’ interessante confermare che anche la 1300 poteva a richiesta essere dotata, per un periodo limitato di tempo, con il motore 1200/34hp, opzione che non era limitata quindi al modello 1300A come sostenuto da alcuni.

ANALISI DETTAGLIATA MODIFICHE INTRODOTTE IL 01.08.1966

CARROZZERIA

Tutti i modelli, e quindi anche il 1300A, ricevono un nuovo tipo di serratura delle portiere che riduce il rischio di apertura accidentale in caso di urto violento. Il blocco della portiera avviene tramite il pulsante posizionato alla base del finestrino.
Su tutti i modelli, una singola chiave consente di aprire la portiera ed avviare la vettura, il che consente di razionalizzare i costi di produzione.

TELAIO

Il maggiolino era ormai molto criticato per il comportamento dinamico, condizionata dallo schema delle sospensioni posteriori di tipo swing axle. Per migliorare la stabilita’ in curva e in presenza di vento laterale, tutti i modelli in produzione, e quindi anche il 1300A, vengono dotati di barra stabilizzatrice. La presenza della barra stabilizzatrice consente di installare barre di torsione piu’ morbide, migliorando il comfort di marcia. La carreggiata posteriore passa da 1300 a 1350 mm, contribuendo a sua volta a migliorare la stabilita’, contribuendo tra l’altro a razionalizzare i costi di produzione.



TRASMISSIONE

Il rapporto della 3a, passa da 1:3,2 a 1:2,6, agevolando i sorpassi effettuati avelocita’ attorno ai 100 km/h.  Con la terza ora e’ possibile toccare i 90 krn/h. 

MOTORE

Il motore 1200/34hp esce di scena dopo anni di onorato servizio, sacrificato a causa della necessita’ di razionalizzare il processo di produzione. Questo motore infatti ha ormai pochi elementi meccanici in comune con la famiglia 1300/1500.
Tutti i modelli sono dotati del volano di maggiore diametro gia’ installato sulle Ghia; il diametro e’ aumentato di 4 mm, ed ha 130 denti invece di 109. Il pignone di connessione dello starter e’ modificato a sua volta.

IMPIANTO ELETTRICO

Il modello 1300A e’ dotata di dinamo da 120 watts al minimo.

INTERNI

Gli interni sono come da tradizione spartani. Cielo limitato alla parte centrale, pannelli porta monocromatici,  lisci e privi di tasche, rivestimenti sedili semplificati e realizzati com materiali robusti ma meno ricercati.
Per motivi di sicurazza, i pulsanti del cruscotto sono ora reliazzati im materiale plastico soffice, sono piatti e di colore nero, per evitare il riflesso di notte sul parabrezza.
Il classico ed anacronistico volante a tre razze che resisteva ormai da prima della guerra e che e’ una delle caratteristiche tipiche degli standard, viene sostituito con un volante a due razze, variante semplificata di quello installato sul 1300, di colore nero e con il semplice bottone de clacson, e quindi privo della leva a semicerchio. 

No comments:

Post a Comment