Monday, 22 August 2011

MODEL YEAR 1966 (01.08.1965 – 31.07.1966)

PRESENTAZIONE GENERALE

Come d’abitudine, l’anno modello 1966 si caratterizza per modifiche piu’ di sostanza che di forma. Se a livello di carrozzeria la vettura e’ sostanzialmente identica al m.y. 1965, sotto la pelle le novita’ sono importanti.
Il modello 1200A, nuova denominazione del modello Standard, ha una nuova trasmissione e il motore di potenza incrementata a 34hp. La numerazione viene modificata, ed ora il numero di serie di questa unita’ e’ preceduto dalla lettera D. Il modello 1300, che sostituisce il modello Export, ha il nuovo motore da 1285cmc/40hp, che appartiene alla nuova generazione di propulsori VW.
A livello di telaio compare il ponte anteriore con snodi a rotule.

ANALISI DETTAGLIATA MODIFICHE INTRODOTTE IL 01.08.1966

CARROZZERIA

L’unica caratteristica che consente di identificare a prima vista il 1200A, anno modello 1966 e’ la presenza della scritta sul cofano motore che indica la cilindrata, e cioe’ „1200”.
All’interno dell’abitacolo, e’ comparsa una terza bocchetta di aerazione del parabrezza in posizione centrale, per facilitarne lo sbrinamento e spannamento.
Il sistema di chiusura della portiera e’ stato modificato per prevenirne l’apertura accidentale in caso di incidente.

TELAIO

LA 1200A riceve il ponte a rotule introdotto su tutta la gamma maggiolino nell’anno modello 1966. Nelle intenzioni, questo tipo di articolazione doveva ridurre la necessita’ di manutenzione, al punto che VW comunica l’allungamento dell’intervallo dei tagliandi a 10,000 km. La definizione degli snodi a rotule come „maintenance-free” creera’ naturalmente non pochi equivoci, e al contrario di quanto si aspettavano i dealer VW riceveranno piu’ richieste di interventi che nell’anno precedente.
La forma del supporto dell’ammortizzatore e’ modificata, la distanza tra i due tubi che ospitano le barre di torsione  aumenta di 30 mm. Le barre di torsione sono ora costituite da 10 elementi invece che 8, al fine di migliorare il comfort.
Anche sulla 1200A compare l’ammortizzatore dello sterzo.
La carreggiata posteriore e’ aumentata di 12mm, in virtu dell’aumento di 6 mm della larghezza dei tanburi, mentre la carreggiata anteriore rimane invariata. Tra i vantaggi, VW indica la maggiore facilita’ di installazione delle catene da neve.
I cuscinetti delle ruote vengono modificati e diventano conici, mentre i cerchi presentano 10 fori di ventilazione.
Le coppe delle ruote cambiano forma e diventano piatte.


TRASMISSIONE

La frizione del modello 1200A e‘ identica a quella del modello 1200/34hp Export dell’anno precedente., con migliore sincronizzazione tra 1a e 2a marcia.

MOTORE

Con il motore da 40hp la VW inaugura una nuova generazione di propusori sul maggiolino; il 1200/34hp era destinato nelle intenzioni di VW ad uscire di produzione, ma per adesso subisce alcune modifiche ed affinamenti, tra cui una nuova pompa della benzina e lo starter automatico.
L’albero a camme, che prima scorreva direttamente a contatto con il blocco motore, adesso viene dotato di cuscinetti, il che facilita le operazioni di rifacimento del motore. La durata del motore non e’ influenzata dalla modifica, e riprende la soluzione oramai adottata su tutti gli altri propulsori allora in produzione. I cuscinetti non possono essere montati sui motori precedenti.
Sempre a livello di distribuzione, viene modificata la forma della testa delle aste, che possono essere montate anche sui motori precedenti.
Le alette di raffreddamento dei cilindri passsano da 11 a 18; i nuovi cilindri possono essere installati sui vecchi blocchi, e sono compatibili con i vecchi pistori.
Altra modifica di dettaglio ma significativa e’ l’adozione di una nuova e piu’ potente pompa dell’olio, che migliora sensibilmente la lubrificazione.
Viene installata una nuova pompa della benzina, che consente di evitare problemi di riflusso di combustibile in caso la vettura debba affrontare salite ripide.

INTERNI

Dal punto di vista del comfort, grande progresso sul modello 1200A in virtu’ dell’installazione di serie dei sedili regolabili, prima ottenibili solo a pagamento.

E’ molto curioso l’aspetto relativo al colore del volante: sul modello 1300, da questo anno il colore del volante e’ nero, innovazione molto enfatizzata da VW per motivi di sicurezza, prevenendo il colore scuro pericolosi riflessi sul parabrezza nella guida notturna. Se cio’ e’ vero, diventa difficile da spiegare il motivo per cui sullo standard, dove il volante era stato sempre nero, con l'anno modello 1964 il colore era cambiato e diventato beige argentato (silver beige).  Stesso discorso per i pulsanti e elementi di plastica vari, che da avorio diventano neri sul 1300, mentre sul 1200A sono beige (le malelingue diranno per smaltire le scorte, il che, visto che in VW non si buttava via niente, e’ probabilmente vero).
Il volante sul 1200A e’ il classico modello a tre razze.
La leva delle frecce e’ la classica leva in metallo, mentre sul 1300 appare gia’ la leva multifunzionale.
Altra modifica significativa sul 1200A e‘ l’installazione del tachimetro con velocita‘ fino a 140 krn/h, il che e‘ l’ovvia conseguenza dell’installazione del motore da 34hp.


LINK ESTERNI


http://www.thesamba.com/vw/archives/manuals/8_65bug_1200a.php


No comments:

Post a Comment